Gioco di Posizione: fase offensiva nel 4-2-3-1


Si tratta di un’esercitazione utile per sviluppare la Fase Offensiva all’interno del Modello Tattico del 4-2-3-1

ù

4_2_3_1 fase offensiva

 

Per sviluppare i principi che riguardano la Fase Offensiva, ho scelto di utilizzare come mezzo di allenamento il Gioco di Posizione. Si tratta di un sistema che prevede il posizionamento dei giocatori nelle zone di campo all’interno delle quali agiscono durante la gara. In questo modo il Mister è in grado di riprodurre un contesto di gioco molto simile a quello della partita, permettendo ai giocatori di adattarsi più facilmente agli stimoli allenanti.

Si organizza il terreno di allenamento come in figura, schierando la difesa a 4 in prossimità di una linea che indica il punto nel quale inizia l’attacco della profondità da parte degli avversari. I quattro difensori giocano contro i due mediani, i tre trequartisti e la prima punta.

Durante l’esecuzione dell’esercitazione il Mister chiede ai giocatori di effettuare delle azioni pre-impostate per attaccare la porta difesa dal portiere, con lo scopo di aiutare i calciatori ad assimilare tutti i principi e sotto-principi che caratterizzano la fase offensiva del Modello Tattico e quindi anche il contesto di gara.
Il passo successivo, per il Mister, è quello di fare in modo che i giocatori siano in grado di scegliere la giocata giusta nel momento giusto, senza seguire schemi rigidi e poco utili durante un’azione di gioco.

Ecco alcuni esempi:

  • l’azione parte da uno dei mediani che serve l’esterno sul lato opposto. Il trequarti esterno effettua, prima di ricevere, un contromovimento per ingannare il diretto marcatore, si porta verso il centro del campo, riceve il pallone e cerca di servire uno dei tre compagni che nel frattempo si sono inseriti alle spalle dei difensori;
  • anche in questo caso l’azione parte da uno dei mediani, che serve nuovamente l’esterno sul lato opposto. Questo, prima di ricevere, effettua un contromovimento per ricevere la palla in zona centrale. A questo punto sfrutta il movimento dei suoi compagni in profondità per puntare la difesa palla al piede e andare al tiro in porta;

  • in questo terzo esempio, assume importanza fondamentale la punta centrale. Questo giocatore infatti effettua un movimento incontro al trequarti esterno per farsi dare palla, si appoggia su uno dei mediani. Lo spazio lasciato libero dal movimento incontro dell’attaccante centrale viene occupato dal trequartista centrale. A questo punto il mediano in possesso serve uno dei compagni in profondità;

 

 

Cosa ne pensi? Il tuo pensiero mi interessa!